il Voto sul programma: Maria Luisa Cagnotto

Maria Luisa Cagnotto

Questo programma è il frutto di un concreto impegno di gruppi di lavoro formati, non solo dai candidati di tutte le liste che appoggiavano la candidatura di G. Piva, ma anche da quei cittadini che hanno voluto dare un loro contributo  e che si sono incontrati varie volte affinchè potesse comprendere tutte le varie tematiche che riguardano la città e la sua comunità.


Anch’io ho partecipato alla sua stesura e l’ho anche formalmente sottoscritto durante la serata di presentazione delle liste dei candidati, il 16 aprile, impegnandomi così a sostenere queste linee programmatiche durante i 5 anni di amministrazione che ci attendono.
Ovvio quindi che approvo totalmente quanto ora esposto dal Sindaco.
Voglio solo sottolineare alcuni punti che possono essere in futuro ampliati e fare una considerazione di carattere generale:


– Dobbiamo avere massima attenzione all’occupazione,cercando di creare opportunità di lavoro anche di nuovo tipo (es. nella Green Economy), favorendo anche l’aggregazione di piccole imprese per avere maggiori possibilità per la ricerca e l’innovazione .
Doveroso il reperimento di risorse per i giovani che si affacciano al mondo del lavoro, visto che la disoccupazione giovanile ha raggiunto nel nostro Paese livelli insostenibili .

– Favorire i gemellaggi non solo culturali ma anche con aree produttive di altri Paesi europei, per cogliere idee e opportunità che altri hanno già saputo individuare e concretizzare.

– Cultura: importante volano per la ricchezza della città: interessare il territorio, al di là di campanilismi e di diverse appartenenze politiche, nei grandi progetti turistico-culturali che potrebbero realizzarsi nei prossimi 8-10 anni (c’è la possibilità per Venezia di diventare capitale della cultura europea nel 2019 coinvolgendo tutto il Nordest) e che darebbero rilievo e importanza ad Este e zone limitrofe.

– Importanza,nel nostro agire, del concetto di ecosostenibilità: ricordo il convegno “Dal dire al fare sostenibile” organizzato dall’assessorato all’ambiente nell’amministrazione precedente e riprendo alcuni concetti dall’intervento del tecnico di Friburgo Andrea Burzzacchini, che dettano le linee guida per l’operare in maniera sostenibile della politica al servizio della comunità :


– PENSARE LONTANO
   
– COINVOLGIMENTO DELLA POPOLAZIONE


– CORAGGIO NELLE SCELTE,A VOLTE IMPOPOLARI


– TRASPARENZA DI OBIETTIVI E NEI CRITERI PER IL LORO RAGGIUNGIMENTO


– AMBIZIONE DI AVERE OBIETTIVI ALTI   ( qualcuno ha detto che l’utopia è come l’orizzonte che non riesci mai a raggiungere ma questo fa sì che tu sia sempre in cammino)


Alla luce di questi principi auguro a tutti noi un buon lavoro per i prossimi 5 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.