le eliche

Scopriamo che il nostro Governo continua ad acquistare “sistemi d’arma” sempre più costosi, dalla portaerei Cavour, alle fregate FREMM (5.680 milioni di euro) al cacciabombardiere Joint Srike Fighter (13 miliardi di euro); e che il “mercato” delle armi, con i Governi principali committenti, è tutt’altro che libero: sono al contrario stretti i rapporti tra Forze Armate e industria bellica e frequenti i passaggi di militari a fine carriera dall’una all’altra schiera.

(da www.altreconomia.it)

Ultima novità, non smentita dal governo, in questo articolo del Sole 24 ore dove si impegnano 1200 milioni di euro in alcuni anni per permettere all’Aeronautica militare il rinnovo della flotta di elicotteri da combattimento, ricerca e salvataggio.


Il piano prevede l’acquisto di 22 nuovi velivoli, prodotti da AgustaWestland, l’azienda di punta del gruppo Finmeccanica. 

Come ribadito dal Presidente Napolitano la politica deve essere assunzione di responsabilità e scelta di priorità.

Allora forse è giusto ricordare, vista la carenza di risorse, che i cittadini italiani sono più minacciati da alluvioni, precarietà, mancanza di servizi, sgretolamento sociale e del tessuto economico piuttosto che da nemici da combattere a colpi di bombe.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.