Non facciamoci scippare il Parco dei Colli Euganei

Siamo sempre stati molto critici rispetto alle occasioni in cui il Parco Colli ha, secondo noi, tradito la sua “mission” di tutela e valorizzazione del territorio dei 15 comuni dei Colli Euganei, ma riteniamo che se passasse la proposta di legge presentata dalla Giunta Regionale il territorio degli Euganei sarebbe scippato di uno strumento di straordinaria potenzialità per uno sviluppo basato sulla valorizzazione delle inestimabili ricchezze paesaggistiche, naturalistiche, ambientali, storiche, monumentali e sui prodotti dell’agricoltura.
La proposta della Giunta Regionale è davvero un furto verso il territorio che verrebbe privato di qualsiasi vera e seria capacità decisionale oltre che ad essere pericolosa per la gestione dell’ambiente e molto poco credibile sotto l’aspetto economico.
Proviamo a spiegare perché:
1) I Sindaci dei 15 Comuni dei Colli non avranno più potere deliberativo in quanto il Consiglio del Parco verrebbe soppresso. Insomma non decideranno più niente. Faranno parte della Consulta, assieme alle associazioni di categoria, alle Pro Loco, alle Associazioni Ambientaliste. 
2) il Presidente sarà scelto non più dai Sindaci o loro delegati ma dal Presidente della giunta Regionale. Così pure il Direttivo del Parco. Anche il Comitato Tecnico-Scentifico verrà nominato da Venezia. Insomma il territorio sarà governato da persone di fiducia del Governatore Veneto e i Comuni non avranno più alcun peso nelle scelte degli organi che rappresentano il Parco Colli.
3) Oggi gli organi politici del Parco Colli costano complessivamente circa 10.000 euro annui. Dubitiamo fortemente che il Presidente e il Direttivo nominati dal Governatore veneto costino “solo” quella cifra. Soltanto i rimborsi spese dei nominati che dovranno gestire e rappresentare ben tre Parchi saranno ragguardevoli, per non parlare della loro remunerazione. C’è poi la questione del Direttore del Parco Colli che oggi è individuato in un funzionario dipendente del Parco che percepisce poco più del suo stipendio e che secondo la proposta di legge della Giunta tale funzione verrà svolta da un Dirigente regionale che costerà sicuramente molto, molto di più.
4) Le autorizzazioni ambientali attualmente vengono rilasciate entro 60 giorni dal Parco. Con la proposta regionale verranno affidate ai Comuni e quindi avremo 15 modi diversi di applicarle e verrà meno quindi la gestione unitaria del territorio del Parco. Inoltre i Comuni, soprattutto quelli piccoli, non hanno strutture adatte ad assorbire queste competenze, senza contare che comunque poi ci si dovrà in ogni caso rivolgere al Parco per ottenere un nulla osta di compatibilità naturalista che dovrà essere rilasciato sempre entro 60 giorni. Non si sa che fine faranno le competenze idrogeologiche e forestali oggi svolte dal Parco e quindi non è dato sapere a chi si dovranno rivolgere i cittadini per ottenere le relative autorizzazioni poiché la proposta di legge nulla dice in proposito.
5) l’operazione che più ci preoccupa e stupisce per la sua miopia culturale è il grossolano tentativo di separare nettamente quello che è inseparabile, vale a dire il concetto di natura da quello di territorio ed ambiente. Il Parco dei Colli Euganei è nato tenendo insieme le valenze naturalistiche, paesaggistiche, ambientali, storiche e monumentali. Cioè tenendo insieme tutte quelle ricchezze che fanno di questo territorio un ambiente unico. Proporre un Parco fatto solo dei cocuzzoli dei Colli è una operazione culturale pericolosa e soprattutto autolesionista.
In conclusione la proposta di legge della Giunta Regionale appare davvero come un tentativo di scippo nei confronti di un territorio che in questo momento ha bisogno invece, più che mai, di un Parco che riprenda a svolgere bene la “mission” di Parco e che recuperi le finalità della legge istitutiva del 1989, creando le condizioni  finalmente anche per produrre  ricchezza ed opportunità di crescita economica ed occupazionale. E’ nostra intenzione, in accordo con i consiglieri regionali del Partito democratico, contrastare questa proposta, in modo deciso, ma disponibili al confronto,  per  discutere nel merito e per  formulare delle controproposte. Non possiamo e non vogliamo rinunciare a svolgere fino in fondo il nostro ruolo di difensori di un patrimonio unico che è un bene di tutti.
Federico Ossari
Segretario Provinciale PD                                          

Francesco Corso
Segreteria PD con delega al Parco Colli Euganei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.