PARCO COLLI COMUNICATO STAMPA


Gruppo Consiliare di Este
Partito Democratico
Este, 6 Febbraio 2017
COMUNICATO STAMPA
SUL PARCO IL COMUNE DI ESTE E IL SUO SINDACO SIANO COERENTI!
Leggiamo con particolare disappunto considerazioni fortemente discutibili e pericolose del Sindaco di Este sul Parco e sul suo futuro.
Da incontri pubblici che hanno a corredo formali verbali leggiamo che sul tema dei confini del Parco la Gallana avrebbe espresso il parere di non ritenerli un elemento cruciale su cui si deve mantenere un asse compatto di tutto il territorio collinare. Questo contro la volontà di tanti sindaci del territorio (non si capisce se più lungimiranti o solo più esperti di lei) anche della sua stessa parte politica a partire dal sindaco Lunghi.
Per evitare che poi il sindaco si diletti col suo costoso ufficio stampa a creare cortine fumogene con illazioni diffamatorie sull’attinenza delle dichiarazioni ai fatti alleghiamo lo stralcio del verbale della Commissione consiliare di Monselice del 18 gennaio 2017 dove il sindaco esprimeva questo suo devastante pensiero:

IL CONSIGLIERE CORSO: chiede di chiudere assumendo come condivisa l’importanza di mantenere l’attuale perimetrazione del Parco e di affrontare immediatamente la lotta ai cinghiali per ridurre le ricadute sul territorio.

LA SINDACA DI ESTE:   ritiene di non essere d’accordo e propone un’incontro con l’assessore regionale Corazzari che dovrebbe avvenire il 27 gennaio.
 
Il nostro sconcerto non è legato solo al fatto che una che afferma di non difendere l’attuale perimetrazione del Parco fa il gioco di Berlato & soci per riaprire la caccia e gli appetiti urbanistici sul Parco, ma dimostra di non conoscere la storia pluridecennale della tutela di una delle zone più belle del nostro Veneto, diventata preziosa per il paesaggio, per l’ecosistema e per un’economia diffusa che si fonda sulla bellezza e la valorizzazione di questi territori.
Lo sconcerto è legato soprattutto al disprezzo che il sindaco dimostra verso l’intero Consiglio Comunale che, lei compresa, ha votato il preciso contrario di quanto lei si permette di dichiarare.
Infatti il 19 dicembre scorso, consapevoli che la questione dei confini del Parco era veramente cruciale, con tutte le forze della minoranza consiliare avevamo proposto una mozione che è stata discussa nel consiglio comunale del 22 dicembre 2016 e che sui confini del Parco diceva una cosa assolutamente chiara: NON SI TOCCANO!
La mozione, tra le altre cose, dice precisamente questo: “Il Consiglio Comunale di Este riafferma pertanto con la presente mozione la volontà di portare avanti, d’intesa con i Comuni del Parco dei Colli Euganei, un chiaro indirizzo volto al mantenimento dell’integrità dei confini del Parco, considerando tutto il territorio e tutte le comunità insediatevi, un unicum identitario la cui limitazione o esclusione porterebbe a vanificare decenni di impegno di tantissimi soggetti che sono stati capaci di far emergere e rendere attuali le innate potenzialità espresse dal contesto dei Colli Euganei.”
Tutte le forze politiche del Consiglio, all’unanimità, dopo una approfondita discussione hanno approvato la mozione col voto positivo anche del Sindaco, presente alla seduta.
Ora leggiamo che il sindaco di Este avrebbe cambiato idea rispetto a quanto lei stessa ha votato il 22 dicembre 2016 e questo ci pare allucinante e offensivo della dignità dell’intero Consiglio  Comunale.
Vogliamo ricordare al sindaco che è tenuta a rispettare la volontà del Consiglio comunale che le ha dettato la linea politica da tenere.
Ci aspettiamo quindi che Sindaco di Este che rappresenta la Città e il suo Consiglio Comunale, dopo questi momenti di smarrimento, torni ad essere in prima linea a difendere l’integrità dei confini del Parco, senza tentennamenti e doppi giochi.
I Consiglieri Comunali
del Partito Democratico
Giancarlo Piva
Silvia Ruzzon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.