“Svuotare gli arsenali, riempire i granai”

E’ stato presentato lunedì 4 giugno alle 11, alla Fondazione Basso di Roma, il dossier Economia a mano armata. Libro bianco sulle spese militari 2012. Promosso dalla campagna Sbilanciamoci!, fornisce dati e proposte su come ridurre la spesa militare e orientarla in senso sociale. Anticipiamo parte del saggio di Giulio Marcon

Durante questi primi cinque anni di crisi economica e finanziaria internazio­nale, la ricetta dei tagli alla spesa pubblica (per ridurre il debito) è stata al centro delle politiche e delle richieste avanzate dalle istituzioni internazionali, dai governi dei paesi più forti e dai mercati finanziari. Nell’elenco delle spese pubbliche da ridurre sono entrate le pensioni, l’istruzione, il sistema sanitario, il trattamen­to dei dipendenti pubblici, i servizi sociali. Quasi mai o solo di sfuggita sono state inserite nell’elenco le spese militari. […] Eppure nel mondo si spendono ogni anno più di 1.600 miliardi di dollari per le armi: la riduzione del 10% a livello globale della spesa militare avrebbe liberato risorse necessarie a fermare la speculazione in Gre­cia e si sarebbe potuto salvare tempestivamente il paese dal crack finanziario, senza ulteriori conseguenze per l’Europa e l’economia mondiale. Eppure la strada scelta è stata un’altra, complici la resistenza della lobby dell’industria bellica, della casta dei militari, degli interessi consolidati di una parte del mondo politico nel business militare. È anche questa la ragione, non l’unica, di tante guerre degli ul­timi 20 anni: tenere fiorente l’industria e il mercato delle armi, legittimare il potere della casta politico-militare, consolidare la costruzione di un sostanziale unipolari­smo geopolitico incentrato sul ruolo della Nato. […]
In Italia, si spende troppo per le forze armate: troppi sprechi, troppe spese inutili, troppi privilegi per una casta che in questi anni ha saputo ben difende­re i propri interessi corporativi e rinviare quella necessaria riforma della Difesa che manca da troppo tempo. Doveva essere la crisi economica a scoperchiare la pento­la. Il ministro della Difesa Di Paola ha ammesso in qualche modo la necessità di una riduzione di alcuni costi (in particolare per il personale: si è parlato di una riduzio­ne programmata di 30mila unità in 10 anni) in modo tale da avere più capitale da investire nell’efficienza (cioè armi) delle forze armate. Il ministro-ammiraglio se la prende comoda: ha detto che ci vorranno 10 anni. Per mandare a casa gli operai della Irisbus e della Thyssen bastano poche ore, per ridurre il numero di generali e militari, due lustri. E poi in realtà, bisognerebbe ridurre almeno il doppio di quan­to previsto da Di Paola. […]
È paradossale notare che mentre le sofferenze sociali per la crisi economica stanno ancora crescendo in modo esponenziale, i generali del nostro paese si dilet­tino a spendere questa montagna di soldi in “giochi di guerra”, che niente hanno a che vedere con un’idea di “difesa sufficiente” coerente con l’art. 11 (l’Italia ripu­dia la guerra) e l’art. 52 (ruolo nazionale e democratico delle forze armate) della nostra Costituzione. Meglio sarebbe risparmiare questi soldi, evitando sovrappo­sizioni e moltiplicazioni di sistemi d’arma – fortunatamente! – non utilizzati e magari già in possesso di paesi alleati: uno spreco inutile. Mai come in questo momento bisognerebbe “svuotare gli arsenali e riempire i granai”.

scarica il pdf del libro Economia a mano armata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.